Le Particelle subatomiche

5. L'elettrone

di Patrizia De Simone

L'atomo di Elio e le sue particelle elementari

Delle tre particelle che costituiscono gli atomi, l'elettrone è di gran lunga il più leggero ed il più piccolo. Per avere un' idea del suo peso dobbiamo pensare che ci vorrebbero dieci miliardi di miliardi di miliardi di elettroni per fare un solo grammo di materia!

La sua massa è infatti: me = 9.1 × 10-28 gr

Il raggio dell'elettrone è così piccolo che non si è ancora riusciti a misurarlo; per questo diciamo che è puntiforme. Sappiamo inoltre che è privo di struttura interna, cioè è una particella fondamentale  in quanto non composta da altre più piccole. Nell'uso comune, l'elettrone viene abbreviato con il simbolo " e- " e la sua carica elettricaicona_glossario per convenzione è negativa. La carica dell'elettrone Qe- viene identificata come carica elementare. In questo modo, la carica di tutte le altre particelle viene riferita a quella dell'elettrone: la carica elettrica di una particella è sempre un multiplo intero o una frazione, segno a parte, della carica elementare Qe-.

La scoperta degli elettroni, nel 1897, da parte di J. J. Thompson icona_biografia, ha messo in evidenza per la prima volta l'esistenza delle particelle elementari, o meglio la natura non continua della materia.

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo