Dalla geografia del mare all'oceanografia scientifica

5. I contenuti del progetto

di Annalisa Plaitano

 

 

Tre grandi fili conduttori hanno ritmato il denso programma: i seminari teorici, le visite guidate e la sperimentazione diretta con il materiale oceanografico.

Attraverso lezioni sulla storia dell’oceanografia, sugli strumenti di misurazione antichi e moderni e sulla collezione di libri, mappe e carte nautiche, gli studenti hanno potuto immergersi nella materia e comprenderne le sue origini. Alle lezioni frontali sono state affiancate anche discussioni di gruppo e proiezioni di filmati, ad esempio il documentario L’ultimo viaggio del San Giuseppe II e il film La tenda rossa.

La città portuale della Spezia, base della nave Vespucci, ospita diversi luoghi importanti per la ricerca marina. Durante il progetto gli studenti hanno avuto la possibilità di visitare il Centro di Supporto e Sperimentazione Navale della Marina Militare che sviluppa programmi scientifici e tecnologici soprattutto nel campo dell’elettroacustica, e il Centre for Maritime Research and Experimentation della NATO, la cui unità ingegneristica sperimenta prototipi e simulatori frutto della propria ricerca in campo oceanografico.

 

F4 lezione vespucci

foto copyright Marina Militare

 

 

F5 lezione vespucci

foto copyright NATO

 

 

F6 vespucciInoltre all’interno dell’Arsenale Militare si trova il Museo Tecnico Navale recentemente rinnovato che custodisce, tra l’altro, importanti testimonianze dell’evoluzione degli scafandri dei palombari. 

Un istituto superiore nautico della città possiede un planetario grazie al quale i ragazzi hanno appreso come calcolare le coordinate celesti e come funziona il sestante.

Infine i ragazzi hanno preso il largo sulla nave Bersagliere della Marina Militare: hanno potuto visitare la plancia, osservare la strumentazione di bordo e sono stati informati sulle recenti missioni della nave, tra cui l’operazione Mare Sicuro.

L’attività più apprezzata dagli studenti è stata senza dubbio l’osservazione diretta degli strumenti oceanografici. Di seguito qualche strumento presentato e, in alcuni casi, anche utilizzato.

Lo strumento più antico osservato è il sestante (XVII secolo, forse anche precedente), con il quale si misura l’altezza degli astri sull’orizzonte per la navigazione astronomica, ma può essere utile anche per la navigazione costiera. Il funzionamento si basa sulle leggi di riflessione di un raggio di luce su una superficie piana.

Il disco di Secchi (1865) è un disco bianco o a quadranti bianchi e neri, usato per misurare la trasparenza dell’acqua. Si immerge con un sistema di zavorra e nella parte superiore una corda metrata dà l’indicazione della profondità massima alla quale il disco resta visibile.

 

F4 lezione vespucci

foto copyright Giancarlo Azzerboni

 

Si passa poi a uno strumento del 1904, il correntometro Ekman. Esso misura la velocità della corrente grazie al conteggio dei giri di un’elica e la sua direzione nel tempo con un sistema meccanico a base di pallini di piombo. È probabilmente il primo strumento di misurazione comandato a distanza.

 

F9 vespucci2

foto copyright Annalisa Plaitano

La bottiglia Nansen, inventata nel 1910, è un sistema di prelevamento dell’acqua che prevede anche due termometri. Essa viene calata aperta in acqua e azionata dalla discesa di un peso detto messaggero. A questo punto, rovesciandosi verticalmente, il recipiente che ha raccolto l’acqua si chiude e i termometri registrano la temperatura per quella profondità.

 

F9a vespucci2

foto copyright Annalisa Plaitano

Una variante più semplice e più moderna è la bottiglia di campionamento. Si tratta di un tubo aperto alle due estremità, le quali si chiudono dopo aver raccolto l’acqua da prelevare. In questo modello la chiusura avviene automaticamente quando la bottiglia tocca il fondo.

 

 

F10-11 vespucci

foto copyright Giancarlo Azzerboni

Il correntometro Lerici, utilizzato a partire dal 1967, registra la velocità della corrente grazie ad un rotore e la direzione grazie ad un volano.

 

F12 vespucci

foto copyright Annalisa Plaitano

Il correntometro acustico MAVS-3 misura velocità e direzione della corrente. Ad un'estremità si trova un trasmettitore che emette delle pulsazioni acustiche e all'altra si trova un ricevitore che raccoglie i suoni in arrivo, dopo che hanno attraversato l'acqua. Per analizzare la corrente che è passata attraverso lo strumento viene utilizzato un principio chiamato effetto Doppler.

F13 vespucci

foto copyright Annalisa Plaitano

XBT (eXpendable BathyTermograph) è un batitermografo che permette di misurare le temperature dell’acqua secondo la profondità. Questo tipo di dati è molto importante perché condiziona la propagazione del suono in acqua (con conseguenze sul sistema dei sonar). XBT viene lanciato da un propulsore al quale resta legato tramite un filo di rame. Durante la discesa XBT invia i dati registrati. Quando la bobina di filo si è srotolata completamente, il filo si stacca e la misurazione è finita. Gli XBT sono ancora utilizzati oggi perché presentano il vantaggio di poter essere lanciati da una nave in movimento, ma si cercano soluzioni migliori e meno invasive per l’ambiente. Infatti gli XBT sono strumenti a perdere: ad ogni lancio, zinco e altri materiali inquinanti restano sul fondale marino.

 

 

F15 vespucci

foto copyright Giancarlo Azzerboni

La sonda ambientale multi-parametrica è un moderno strumento che rileva molti dati contemporaneamente: temperatura, conducibilità dell'acqua (per la determinazione della salinità), torbidità, pH, ossigeno disciolto ecc. Contiene una batteria e una memoria interna nella quale i dati vengono registrati in formato digitale. Questi saranno elaborati in seguito dal software di gestione installato su un computer.

 

 

F16 vespucci

foto copyright Annalisa Plaitano

 

F17 vespucci

foto copyright NATO

 

 

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.