Breve storia del vuoto

4. Cosa “sostiene” la luce?

di Paolo Lenisa

La nostra breve storia del vuoto continua alla fine del 1800, questa volta in relazione alla propagazione della luce icona_esperto[057]. In analogia con le onde che si propagano sulla superficie dell’acqua , la fisica nel XIX secolo postulava che per la propagazione nello spazio delle onde elettromagnetiche (come quelle luminose), fosse necessaria la presenza di un mezzo materiale. Tale mezzo venne chiamato "etere luminifero" icona_esperto[353], . Tuttavia, in contrasto con tutto ciò, non c’era evidenza di alcuna resistenza al moto dei corpi da attribuire all'etere. Se lo spazio fosse stato permeato dall’etere, ogni corpo in movimento nell'Universo avrebbe dovuto produrre un vento d'etere che si muoveva alla stessa velocità del corpo in movimento, ma in direzione opposta. Per esempio, la Terra si muove nell'Universo a 30 km/s perciò ci dovrebbe essere un vento a 30 km/s che spazza la Terra in direzione opposta al suo cammino. Nel 1887 Michelson icona_quantibio e Morley icona_quantibio provarono a misurare la velocità della luce in diverse direzioni per cercare indizi del vento d'etere, usando uno strumento che successivamente prese il nome di interferometro di Michelson. L’esperimento non rivelò alcuna traccia del vento d’etere e condusse alla conclusione che la luce si propaga nel vuoto e che la sua velocità è indipendente dal moto della sorgente e dell'osservatore.

vuoto3

FIGURA 3 – Secondo la fisica del XIX secolo, per permettere la propagazione delle onde elettromagnetiche, lo spazio doveva essere permeato da un mezzo chiamato “etere luminifero”. Nel suo moto di rivoluzione attorno al Sole, la Terra si sarebbe trovata a percorre l’etere in direzioni opposte tra loro. Da una misura della velocità della luce nelle due situazioni, si sarebbe dovuta rivelare la velocità della Terra stessa rispetto all’etere. L’esperimento di Michelson e Morley non evidenziò differenza nella velocità della luce nelle due situazioni ed escluse l’esistenza dell’etere. 

storia

Il ragionamento per analogia, ovverossia l’interpretazione di un fenomeno nuovo in termini di quelli già conosciuti, è uno dei meccanismi più adottati ed efficaci che la nostra mente ha a disposizione per comprendere la realtà. A volte però, come nel caso dell’etere, questo meccanismo si rivela fuorviante e conduce a conclusioni completamente errate. Quando un esperimento evidenzia come la logica della natura sia in palese contrasto con il vecchio modo di pensare, è necessario l’intervento dell’intuizione, cioè della capacità della mente umana di reinterpretare il fenomeno secondo schemi diversi. L’esperienza di ogni giorno ci dice che due oggetti si avvicinano o si allontanano tra loro ad una velocità data dalla somma delle due velocità. L’esperimento di Michelson e Morley evidenzia che, per la luce, la cosiddetta “legge galileiana di somma delle velocità” non vale e che la velocità di un raggio di luce è la stessa sia che noi gli andiamo incontro sia che ci allontaniamo da esso. E’ grazie alla capacità di accettare ed interpretare senza preconcetti questa “sconcertante” evidenza, che Einstein concepì la sua rivoluzionaria teoria della relatività speciale: uno dei pilastri della fisica moderna.


ultimo aggiornamento giugno 2013

Tags: ,

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.