Come è assemblato l’universo

4. Come "lavorano" i fisici

di P. de Simone, P. Patteri 

Nel corso di tutto questo secolo i fisici hanno studiato la natura e svelato molti dei suoi misteri. L'osservazione sistematica dei fenomeni naturali è alla base del progresso della conoscenza scientifica. Accumulando informazioni si possono evidenziare delle regolarità nei fenomeni in studio, che sono estremamente utili per determinare le leggi che li governano. Succede più o meno come ad un marziano che si trovi ad osservare un gruppo di persone che giocano con le carte a "scopone". In breve capirà che le carte utilizzate dai giocatori hanno quattro tipi di semi, che i giocatori cercano di collezionare quante più carte possibili, specialmente quelle con il seme delle "monete d'oro", realizzando varie combinazioni di carte. In modo simile i fisici, osservando le interazioni tra le particelle elementari, hanno dedotto la regola della conservazione del numero leptonico della quale abbiamo già parlato.

"nel processo di trasformazione di un leptone il numero dei membri
di ogni famiglia prima e dopo la trasformazione deve rimanere costante".

Per catalogare e studiare tutti i possibili modi di interazione delle particelle elementari, i fisici utilizzano i diagrammi introdotti da Richard Feynmanicona_minibiografia. I diagrammi di Feynman sono uno strumento di grandissima utilità: essi sono stati usati da più di sei generazioni di ricercatori.

scienzapertutti_schema_diagrammi_feynman  

 

 

Grafico di Feynman che rappresenta uno raro processo studiato dai fisici per capire uno dei misteri dell'Universo: quello dell'antimateria. I fisici non mancano di ironia ed hanno denominato questo diagramma "penguine" (pinguino) per la sua "vaga" similitudine col simpatico volatile.

 

 

 

Lo sviluppo e l'utilizzo delle macchine acceleratrici è stato ed è di grande aiuto per determinare il quadro delle particelle fondamentali che abbiamo introdotto in questo articolo, essenzialmente perché tali macchine hanno permesso - e ancora permettono - l'osservazione e l'analisi di un grande numero di eventi icona_glossario .

Le ricerche di E. Rutherford icona_biografia avviarono un nuovo metodo di indagine utilizzando la radioattività per esplorare il nucleo. In seguito, le particelle proiettili che si ottenevano dagli elementi radioattivi si mostrarono insufficienti per indagare sempre di più nell'intimo della materia. Infatti, per penetrare nella struttura sub-atomica erano necessari proiettili sempre più "energetici" e gli elementi radioattivi naturali non erano sufficienti. Bisognava quindi  imprimere una forte energia ad un fascio di particelle per  procurarsi artificialmente particelle proiettili: nasce così l’idea delle macchine acceleratrici.

Ernest Orlando Lawrenceicona_biografia costruì la prima macchina acceleratrice di particelle: un ciclotrone di vetro. Anche Enrico Fermi , il grande fisico italiano, ebbe un ruolo determinante poiché fra i primi comprese l'importanza delle macchine acceleratrici e ne sostenne fortemente lo sviluppo. La prima macchina costruita da E. Lawrence aveva un diametro di 10 cm. La prima macchina nella quale collidevano elettroni e positroni fu realizzata da Bruno Touschek icona_biografia nei Laboratori Nazionali di Frascati dell'INFN icona_linkesterno all'inizio degli anni `60 con il nome di AdA (Anello di Accumulazione) ed aveva un diametro di circa un metro.  Il Large Hadron Collider ( LHC icona_linkesterno), che  ha iniziato a funzionare nel 2009 al Centro Europeo per la Ricerca Nucleare di Ginevra (CERN),  ha un diametro di ben 9 km!

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.