Un viaggio dalla collisione alla pubblicazione scientifica

3. Il cervello per il controllo dei dati

percorso a cura di A. Gozzelino

I dati selezionati e registrati su cartelle temporanee sono verificati in tempo quasi reale dalle persone in turno (dette shifter) con gli strumenti di Data Quality Monitoring (DQM). Gli shifter si trovano in un’area vicina alla sala sperimentale e coprono a turno tutta la durata dell’esperimento. Prima dell’esperimento, gli shifter discutono, valutano e commentano con il gruppo di ricercatori che conduce l’esperimento, la serie di grandezze fisiche di immediata comprensione e facile accesso da controllare e imparano a conoscere i grafici di riferimento. La presa dati è organizzata in intervalli di tempo, detti run, in cui le condizioni sperimentali non sono modificate. Dopo 15 minuti di presa dati in un run e poi periodicamente (ogni ora, per esempio), i grafici online della DQM sono confrontati con quelli di riferimento attesi. In questo modo si individuano problemi ai rivelatori, all’elettronica di lettura, alle condizioni sperimentali (fasci di particelle, il vuoto nella camera di reazione, la struttura del bersaglio, …) e si prendono eventualmente decisioni di intervento.

Ad esempio, il rettangolo in rosso sul grafico a destra in figura 6 richiama l’attenzione ed evidenzia un problema su una parte del rivelatore; è dunque necessario chiamare un esperto per una verifica immediata. Non si tratta di un caso atteso, visto il grafico di riferimento in figura 6 a sinistra. grafici 6

Figura 6: Esempio di grafico di riferimento (a sinistra) con cui confrontare l’analogo grafico prodotto in tempo reale durante la presa dati con gli strumenti di DQM (a destra).

Una volta che l’esperimento ha raccolto una statistica sufficiente di eventi (serie di più run), il gruppo di ricerca sviluppa un’analisi dei dati “veloce” e più approfondita. Tale analisi, condotta quasi giornalmente, mostra gli andamenti delle grandezze fisiche in studio e serve per controllare se il processo fisico da studiare avviene secondo le attese. E’ possibile correggere il setup sperimentale in base alle informazioni ricavate quotidianamente.

 

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo