La meccanica quantistica

3. Esperimenti delle due fenditure per fotoni ed elettroni

di Davide Meloni

A questo punto ci si trova di fronte ad un dilemma: abbiamo parlato di luce come onda elettromagnetica ma anche di quanto di luce, come sorta di particella che porta la sua ben definita energia. La domanda più ovvia è quindi: quale è la vera natura della luce? Tutt'ora il quesito resta senza una risposta chiara. C'è stato un periodo, pero', in cui la formulazione ondulatoria sembrava aver preso maggiormente piede grazie ad una serie di esperimenti condotti nel 1801 da Thomas Young e che vanno sotto il nome di esperimenti della doppia fenditura. Si trattava di inviare dei fasci luminosi attraverso una lastra su cui erano stati praticati dei fori di larghezza comparabile alla lunghezza d'onda della luce in esame e di osservarne l'intensità su uno schermo, Fig.4.

 

Esperimento della doppia fenditura

 Fig. 4: Esperimento della doppia fenditura

 

Distribuzione degli elettroni nel caso classico. La
dicitura “classico” sta ad indicare cosa ci si aspetterebbe
da una particella e non cosa si e' realmente osservato.

Fig.5: Distribuzione degli elettroni nel caso classico. La dicitura “classico” sta ad indicare cosa ci si aspetterebbe da una particella e non cosa si è realmente osservato. Modificata da http://www.larapedia.com.

Nel caso della teoria corpuscolare ci si aspetta che ogni singolo fotone passi attraverso una sola fenditura e, dopo che un numero elevato di fotoni è stato inviato sullo schermo, si dovrebbero osservare due zone molto luminose in corrispondenza della posizione delle due fenditure e null'altro. Quello che è stato rivelato, in realtà, è un comportamento completamente differente, con varie zone di ombra (indicate con D in Fig.4) e luce (M) sullo schermo; un tale comportamento, noto con il termine di interferenza luminosa, è facilmente spiegabile con la teoria ondulatoria della luce, in base alla quale le onde “uscenti” dalle fenditure interferiscono nello spazio al punto che, in alcune zone la luce complessiva “si somma” (ed allora vediamo le frange luminose sullo schermo) mentre in altre “si sottrae”, (ed allora siamo in presenza di zone di ombra). Ricordiamo che quanto esposto, in realtà, non mostra in modo assoluto che la luce sia una onda perchè, come già spiegato in precedenza, ci sono esperimenti nei quali la descrizione del fenomeno in esame è resa estremamente più semplice se si lavora con l'assunzione di natura corpuscolare della luce. Pertanto, cosa sia veramente la luce (e più in generale la radiazione elettromagnetica) è un quesito senza risposta: a volte ci conviene adottare una descrizione ondulatoria per essa, a volte corpuscolare.

 

La cosa che certamente è ancora più difficile da accettare è che anche le altre particelle, quegli oggetti cioè che senza ombra di dubbio associamo nella nostra mente a piccole sferette che viaggiano intorno a noi, presentano dei comportamenti ambigui al pari dei fotoni. Prendiamo il consueto elettrone e ripetiamo l'esperimento della doppia fenditura; ci aspetteremmo che, avendo a che fare con particelle, la distribuzione dei punti di arrivo degli elettroni sullo schermo sia semplicemente la “somma” di quanto si otterrebbe per una singola fenditura, come riportato in Fig.5. In pratica, gli elettroni dovrebbero distribuirsi prevalentemente dietro la fenditura da cui sono passati (distribuzione un po' allargata per via di possibili deviazioni causate dai bordi della fenditura al moto delle particelle) e, nel considerare entrambe le fenditure, si dovrebbe ottenere quanto suggerito poco sopra. Invece la figura ottenuta sullo schermo presenta esattamente le stesse caratteristiche riportate per i fotoni in Fig.4, con zone di addensamento e di bassa popolazione elettronica. Anche per altre particelle, come nel caso del neutrone, si è trovata una figura di interferenza simile.

 

 

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.