Relatività Generale

3. Conseguenze del principio di equivalenza

percorso di Giancarlo Cella

Utilizzando il principio di equivalenza e semplici ragionamenti geometrici è possibile in molti casi predire l'effetto della gravità.

 Deflessione della luce

Consideriamo la propagazione di un raggio luminoso all'interno della nostra cabina in caduta libera. Il principio di equivalenza ci dice che se il raggio viene diretto orizzontalmente, continuerà a muoversi in tale direzione dato che le leggi della fisica nel sistema di riferimento scelto sono quelle valide in assenza di gravità. Chiediamoci ora quale sia la traiettoria del raggio luminoso dal punto di vista di un osservatore esterno. Questa sarà simile alla linea gialla in Figura 2: la traiettoria sarà curva (anche se la curvatura sarà molto minore di quella rappresentata, data la grande velocità della luce, e si dovranno utilizzare le corrette regole della Relatività Speciale per addizionare la velocità della cabina a quella del raggio luminoso).
Possiamo quindi concludere che la gravitazione è in grado di deviare un raggio luminoso.

Orologi e gravitazione

Supponiamo di voler confrontare il tempo segnato da due orologi in presenza di gravitazione. Ad esempio, possiamo immaginare che uno dei due si trovi sulla cima di un palazzo, e il secondo a terra. Possiamo procedere in questo modo: consideriamo un terzo orologio inizialmente alla stessa quota della cima del palazzo, fermo ma lasciato libero di cadere. Il sistema di riferimento solidale ad esso è un sistema in caduta libera, e il principio di equivalenza ci dice che la gravitazione non ha effetto in esso. Ma inizialmente, anche l'orologio fissato sulla cima del palazzo è in quiete nello stesso sistema di riferimento, e quindi batte il tempo in sincrono.
Successivamente il terzo orologio si muove, in caduta libera, verso terra. Quando arriva al secondo orologio, vede quest'ultimo in moto con una velocità opposta a quella che ha raggiunto. La relatività speciale ci dice allora che il secondo orologio risulterà rallentato rispetto a quello in caduta libera, e quindi rispetto a quello sulla cima del palazzo. La conclusione è che se si confrontano orologi in quiete posti ad altezze diverse rispetto al suolo troveremo che il tempo scorrerà tanto più lentamente quanto più saremo in basso.
In generale quindi in prossimità di una massa il tempo “rallenta”.
Nel film Interstellar degli astronauti atterrano su un pianeta posto nelle vicinanze di un buco nero gigante, che come vedremo più avanti possiamo vedere come una grande concentrazione di massa, e verificano che ogni ora segnata dal loro orologio corrisponde a 7 anni trascorsi sulla Terra.
Questo è un caso estremo: ma l'effetto è stato verificato confrontando un orologio lasciato a terra con uno portato ad alta quota su un aeroplano. Per misurare l'effetto, che è in questo caso molto piccolo, sono serviti orologi molto precisi.
Si potrebbe pensare che effetti di questo tipo abbiano scarsa importanza per la vita di tutti i giorni, ma sorprendentemente non è così. Ormai siamo abituati ad utilizzare il nostro cellulare per sapere in ogni momento, con un errore di pochi metri, dove ci troviamo. Per poter ottenere questo il cellulare utilizza il sistema GPS (Global Positioning System), basato su 31 satelliti in orbita attorno alla Terra che emettono continuamente un segnale di sincronizzazione basato su orologi atomici di grande precisione che hanno a bordo, insieme con le informazioni sulla loro posizione. Il cellulare riceve alcuni di questi segnali e li confronta: sulla base del ritardo di ciascuno e conoscendo la velocità della luce può calcolare la posizione in cui si trova.
Ora, gli orologi sul satellite battono il tempo più velocemente degli orologi a terra, anche per l'effetto di dilatazione gravitazionale del tempo appena descritta. Se non si introducessero opportune correzioni nel giro di un giorno si accumulerebbe un errore tale da far salire l'errore sulla posizione a 10 km, rendendo quindi il sistema GPS sostanzialmente inutile.
Gli orologi che è possibile costruire sono sempre più precisi: allo stato dell'arte la dilatazione gravitazionale del tempo è stata verificata confrontando due orologi con una differenza di quota minore di un metro. Vedremo un'altra conseguenza estrema di questo effetto quando parleremo di buchi neri.

Spostamento verso il rosso gravitazionale

La dilatazione gravitazionale del tempo ha un'altra conseguenza. Immaginiamo della luce di frequenza f emessa ai piedi di un palazzo, e diretta verso l'alto. La frequenza della luce può essere utilizzata per costruire un orologio, contando le oscillazioni in un certo tempo t : più esattamente il numero di oscillazioni sarà dato da n=ft. Possiamo contare le oscillazioni anche sulla cima del palazzo, e sappiamo che il numero di oscillazioni che partono dovranno essere le stesse che arrivano. Ma, data la dilatazione dei tempi, queste oscillazioni passeranno sul palazzo in un tempo t ′ maggiore di t . Di conseguenza la luce sulla cima del palazzo dovrà avere una frequenza diversa:
formula9quindi
formula10La frequenza misurata sulla cima del palazzo sarà inferiore a quella misurata sul fondo. L’effetto è detto "spostamento verso il rosso gravitazionale" per questo motivo (la luce rossa è quella di minor frequenza nello spettro visibile).
Quindi quando un raggio luminoso si allontana da una massa, la sua frequenza si riduce. Possiamo vedere questo risultato anche da un altro punto di vista: la meccanica quantistica interpreta la luce come composta da particelle prive di massa, i fotoni, che hanno un'energia proporzionale alla frequenza: E ∝ f .
Vediamo allora che quando un fotone si allontana da una massa riduce la sua energia.
In effetti se così non fosse potremmo immaginare la situazione paradossale seguente:
- Se facciamo cadere una particella di massa m dalla cima del palazzo, inizialmente questa avrà l’energia mc2. Arrivata in fondo avrà guadagnato una certa energia cinetica ed avrà quindi una energia totale E=mc2+1/2mv2.
- Convertiamo adesso la particella in un fotone (non ci preoccupiamo qui dei dettagli) in movimento verso l'alto. Se questo non perde l'energia guadagnata risalendo, arrivato in cima al palazzo potremo convertirlo infine nella particella iniziale. Avremo alla fine guadagnato energia dal nulla.
L’effetto di spostamento verso il rosso gravitazionale è stato verificato sperimentalmente da Pound e Rebka confrontando la frequenza di un fotone lanciato dalla cima di un palazzo e ricevuto 22.5 metri più in basso.

© 2002 - 2019 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

PRIVACY POLICY

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.