L’incredibile neutrino

20. I neutrini atmosferici

di Antonio Ereditato

ScienzaPerTutti_terra_raggi_cosmici

Particelle elementari di altissima energia sono generate in lontane galassie.

Esse raggiungono la Terra e interagiscono con l’atmosfera producendo tra l’altro neutrini (“mu” ed “e”). Il numero di neutrini muonici attesi è circa il doppio di quelli elettronici.

Ma gli esperimenti hanno osservato un notevole deficit di “nm”, funzione dell’energia del neutrino e della distanza percorsa dal punto di produzione al rivelatore...

Cosa accade quindi ai neutrini “mu” ?

 

 

 

Il deficit riguarda infatti solo i neutrini muonici (“mu”), che verosimilmente oscillano in “nt”, ai quali non sono sensibili i rivelatori terrestri.

A supporto dell’ipotesi vi è anche il fatto che la riduzione del flusso di neutrini “mu” è funzione della distanza percorsa dal neutrino e della sua energia (come predetto dalla teoria delle oscillazioni).

ScienzaPerTutti_esperimento_Super_Kamiokande

 La misura più convincente dell’anomalia dei neutrini atmosferici è stata condotta dall’esperimento Super Kamiokande.

I neutrini che vengono dallo Zenit percorrono una distanza pari circa allo spessore dell’atmosfera (20 km). Quelli provenienti dal basso (Nadir), invece, hanno percorso i 20 km di atmosfera agli antipodi più il diametro terrestre di circa 13000 km.

Tags:

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo