Materia e antimateria

2. Paul Dirac: Il padre dell'antimateria

di Gino Isidori

 

scienzapertutti_paul_dirac
Paul Dirac

L'antimateria è uno dei concetti rivoluzionari nati nei primi trent'anni del '900, esaltante periodo in cui si gettarono le basi della fisica moderna. A ipotizzarne l'esistenza fu nel 1928 Paul Dirac icona_biografia alla ricerca di una teoria che conciliasse i principi della meccanica quantistica con quelli della relatività ristretta. La teoria della relatività ristretta, formulata da Albert Einstein icona_biografia all'inizio del secolo, portò i fisici ad unificare i concetti di spazio e tempo e, allo stesso tempo, cambiò radicalmente la descrizione dei fenomeni che avvengono alle alte energie, ovvero a velocità comparabili a quella della luce.

 

 

  

 

In un ambito del tutto indipendente - quello della fisica atomica - nasceva pochi anni dopo la meccanica quantistica, formulata matematicamente da Erwin Schrodinger icona_biografiae Werner Heisenberg.

Questa seconda rivoluzione, forse ancor più straordinaria di quella di Einstein, portò ad una nuova concezione delle particelle subatomiche, considerate ora entità con caratteristiche comuni sia alle onde che ai corpuscoli.

scienzapertutti_enrico_fermi_heisenberg_pauli

Enrico Fermi, Werner Heisenberg, Wolfgang Pauli

Alla fine degli anni '20, il non ancora trentenne Paul Dirac icona_biografia era impegnato a trovare una teoria in grado di descrivere il comportamento delle particelle subatomiche anche ad alte energie.

Questa ricerca portò il giovane scienziato alla formulazione della meccanica quantistica relativistica, teoria che attualmente descrive con successo il comportamento di tutte le particelle note. L'aspetto più affascinante, che lasciò sorpreso lo stesso Dirac, è che tale teoria prevede per ogni particella dotata di carica icona_glossario, l'esistenza di un'altra particella dotata di massa identica e carica opposta: quella che oggi chiamiamo antiparticella.

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo