Materia e antimateria

10. Lo studio dell'asimmetria

di Gino Isidori

Lo studio del diverso comportamento di particelle ed antiparticelle che, come abbiamo visto, potrebbe aiutarci a capire l'origine del nostro Universo, costituisce attualmente uno dei principali temi di ricerca in molti laboratori di alte energie.

La prima evidenza sperimentale di un diverso (non speculare) comportamento fra particelle ed antiparticelle si ebbe nel lontano 1964, in un celebre esperimento che valse il premio Nobel a  James Croninicona_biografia e Val Fitch icona_biografia. L'evidenza riportata in questo esperimento e successivamente confermata in altri laboratori, sembra essere compatibile con quanto previsto dal cosiddetto Modello Standard , la teoria che attualmente descrive con successo il comportamento delle particelle elementari. Tuttavia, il condizionale è d'obbligo poiché si tratta di un fenomeno che avviene molto raramente, estremamente difficile da studiare con precisione. Esperimenti attualmente in corso in vari laboratori in tutto il mondo, incluso quello di Frascatiicona_linkesterno,  si propongono proprio di chiarire meglio la questione.

scienzapertutti_detector_kloe

Il detector KLOE: lo strumento con cui si studia l'asimmetria 
materia-antimateria nei Laboratori Nazionali di Frascati

Fra gli aspetti particolarmente affascinanti del problema vi è anche il fatto che l'asimmetria fra materia e antimateria prevista dal Modello Standard non sembra esser sufficiente per ottenere l'eccesso di materia che attualmente osserviamo nell'Universo.

Per questo motivo molti fisici ritengono che lo studio sperimentale dell'asimmetria fra materia e antimateria potrebbe aprire una finestra su interazioni completamente nuove, non previste dalle teorie attuali.

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo