Uno sguardo alla luce

10. Dalla luce alla Relatività

di Vincenzo Lucherini

La particolarità delle onde luminose (ed elettromagnetiche in generale) è che si propagano senza nessun mezzo! Se la cosa non risulta facilmente intuibile, ci si può consolare ricordando che nel XIX secolo anche i fisici  ritenevano che l’Universo fosse permeato di un mezzo (l’etere) che permetteva alle onde di luce di propagarsi. Nel 1887 un esperimento famoso di A. Michelson e E. Morley  pareva aver dimostrato che l’etere non esistesse.

scienzapertutti_einstein

Tuttavia, il risultato di questo esperimento poteva anche spiegarsi ammettendo l’esistenza dell’etere ma supponendo che le dimensioni di un corpo in movimento si accorciassero nella direzione del moto del corpo stesso!

Una cosa effettivamente molto strana. Rimaneva dunque ancora un alone di mistero su come si propagasse la luce e questo durò per qualche decennio, fino a che...

...fino a che arrivò Einstein icona_biografia nel 1905 per capire che l’etere non esisteva ma anche che era vero che le dimensioni di un corpo in movimento si accorciano nella direzione del moto del corpo stesso. 

Era nata la Teoria della Relatività ristretta icona_glossario .

Ma questa è un’altra storia ...

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo