Breve storia del vuoto

2. Aristotele ed il moto della freccia

di Paolo Lenisa

Come in molti altri campi della conoscenza, i primi ad interrogarsi su cosa fosse il vuoto furono i Greci. Tra di essi,  Aristotele icona_minibiografia condizionò il pensiero su questo argomento per due millenni ritenendo che il vuoto non esistesse affatto. Egli sosteneva che la natura aborre il vuoto e che quando da un luogo veniva tolta tutta la materia, producendo appunto il vuoto, immediatamente nuova materia si precipitava a colmarlo (concetto dell’“horror vacui”), del resto è quello che succede quando da una vasca colma d’acqua se ne toglie un bicchiere. Uno degli argomenti a supporto di tale conclusione era l’interpretazione errata che Aristotele dava del movimento. Egli era infatti convinto che la velocità di un corpo fosse direttamente proporzionale alla forza applicata F ed inversamente proporzionale alla densità del mezzo d secondo la relazione: vF/d. Una densità nulla, come quella implicata dal vuoto, avrebbe comportato un corpo che si muovesse con velocità infinita, il che, ovviamente, risulta impossibile.

 

freccia_greca

FIGURA 1 – Antico piatto greco raffigurante un arciere nell'atto di estrarre una freccia dalla faretra (520-500 a.C.).

Aristotele utilizzò il concetto di orrore del vuoto  per spiegare come una freccia si mantenga in moto una volta che questa abbia lasciato l’arco dalla quale è stata scoccata. Aristotele riteneva, infatti, che per mantenere in moto un oggetto fosse necessaria l’applicazione continua di una forza. Secondo Aristotele una freccia in movimento creava una sorta di vuoto dietro di sé e l’aria che si precipitava a riempirlo spingeva la freccia in avanti. 

storia

Quello che ad Aristotele mancava era la nozione di principio d’inerzia icona_glossario . Questo concetto richiese all’uomo una riflessione di circa 2000 anni e fu definitivamente acquisito solo nel 1600 grazie ai contributi di Galileo icona_minibiografia, Cartesio icona_minibiografia e Newton icona_minibiografia. Secondo il principio d’inerzia, un corpo non sottoposto all’azione di alcuna forza, si trova in uno stato di quiete o di moto rettilineo uniforme. Ancora oggi, il principio d’ inerzia non è sempre completamente acquisito nella mentalità comune. Avete mai riflettuto sul fatto che se lasciamo cadere una pallina dalla mano, essa cade ai nostri piedi e non verso Ovest (come dovremmo aspettarci a causa della rotazione terrestre) proprio grazie al principio d’inerzia?

Aristotele fu una mente geniale dell’antichità ed ebbe il merito di fornire una elegante unificazione della conoscenza del suo tempo. Il limite della trattazione aristotelica era nella sua interpretazione puramente qualitativa dei fenomeni. La visione aristotelica del mondo dominò il pensiero fino al 1600 quando, grazie a Galileo, si giunse all’introduzione del metodo scientifico.

 


ultimo aggiornamento giugno 2013

 

Tags:

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.